11.3 F
Rome
spot_img

Roma oggi

Data:

Condividi sui social:

“Roma mai vista così bella”. L’espressione che circola sui social e rimbalza nelle interviste televisive estemporanee, distrae  da quello che è e resta il vero tema. Roma non è vuota perché possa essere bella, non è anestetizzata dalla assenza nelle strade dei suoi abitanti affinché le sue bellezze monumentali si riposino. Roma è vuota e senza anima perché costretta, ferita dolorosamente dalla potenza di un nemico che minaccia la città e i suoi abitanti e che parla un linguaggio ancora sconosciuto. Roma non ama la dimensione museale a cui è in questi giorni costretta. Non è più bella senza i cittadini che la vivono, la colorano e la rallegrano. Ha bisogno dei suoi abitanti, della normalità di una vita a cui in questi giorni è obbligata a rinunciare. Trinità dei Monti senza una coppia di innamorati che si tiene per mano e si regala un bacio, perde il suo fascino. Piazza Navona senza i turisti in estasi davanti alla Fontana del Bernini, non sembra Piazza Navona. I Parchi e le Ville senza i bambini che si rincorrono e giocano non hanno vita da raccontare. I piccoli negozi, le botteghe artigiane del centro storico, le grandi catene commerciali con le serrande abbassate, i musei chiusi, le chiese dove non si celebrano messe e nemmeno i morti si possono salutare, Piazza San Pietro deserta e la Basilica di San Pietro chiusa, sono graffi profondi che non consentono di guardare Roma con le lenti della bellezza. La città non restituisce lo scenario sospeso e incantato di una nevicata insolita, ma un vuoto che fa rumore. Roma che il 21 aprile festeggerà il suo 2773° compleanno, non è felice di essere bella e sola, pulita e desolata, non apprezza la tranquillità delle strade deserte e il silenzio delle piazze vuote. Oggi Alberto Sordi non potrebbe riproporre la scena iconica del Pizzardone che sulla pedana di Piazza Venezia dirige il traffico come un direttore d’orchestra. Roma vuole essere vissuta da tutti, da chi la abita e da chi la visita. Roma vive dei suoi cittadini, tutti, anche di quelli che lo sono solo per un giorno.

Maria Teresa Rossi
Maria Teresa Rossi
Osservo, scrivo, racconto. Per la Fondazione Osservatorio Roma, Osservatorio Roma il Giornale degli Italiani all'estero e per ICN RADIO NY.

━ Articoli suggeriti

VIVE, Vittoriano e Palazzo Venezia

Ci sono nomi che colpiscono per la concretezza del messaggio e per l’immediata percezione di un progetto. Accade con il VIVE, acronimo nato per...

Roma Imperiale Virtual Bus. Viaggio nella storia millenaria della città eterna

Visitare Roma è nei sogni di milioni di viaggiatori. I dati diffusi da Enit, l’agenzia nazionale del turismo, incrociano le richieste e le aspirazioni...

Casa del Podcast. Nasce a Roma un luogo dedicato al podcastingCasa del Podcast

Find people with high expectations and a low tolerance for excuses. They'll have higher expectations for you than you have for yourself. Don't flatter...

SIMART WEB, il catalogo online dei beni culturali di Roma

È opportuno cominciare a prendere confidenza con un nome, Simart Web, che offre un servizio prezioso rendendo accessibile online l’immenso patrimonio dei beni culturali...

Ballo Ballo, il musical dedicato a Raffaella Carrà

Non si placa l’onda emotiva suscitata dalla scomparsa di Raffaella Carrà, persona, personaggio e icona amata da un pubblico di ogni età. A dieci...

━ Seguici sui social

89FansLike
269FollowersFollow
122FollowersFollow
148FollowersFollow
301SubscribersSubscribe

Iscriviti alla nostra newsletter!

Scrivi il tuo commento

Lascia il tuo commento!
Please enter your name here